esubera
Esubera! Communication Training Il canto del linguaggio

Il canto del linguaggio



esubera

Come impariamo a parlare? Quali sono le tappe fondamentali per acquisire il linguaggio?

Ce lo racconta la psicolinguistica, disciplina scientifica che incrocia studi linguistici e psicologici.

Quello che sappiamo è che l’acquisizione del linguaggio non inizia alla nascita, ma già durante la vita nell’utero: circa alla 17esima settimana di gestazione, infatti, il feto è già in grado di percepire i suoni e, con l’andare del tempo, è in grado non solo di distinguere quale suono è lingua e quale non lo è ma addirittura quale lingua è quella di sua madre e quale è, ad esempio, una lingua straniera. Ancora nella pancia della mamma, il nascituro si sta già preparando per imparare la propria lingua materna

Quale è allora il primo elemento su cui il bambino si concentra, e l’unico a sua disposizione? Hai indovinato: Sua Maestà il suono, il primo senso a comparire, l’ultimo ad abbandonarci. Ma come distingue il bambino le diverse lingue, le diverse parlate? Dal tono, dal ritmo, dall’intonazione, in una sola parola: dalla prosodia della lingua, ossia dalla musica che ogni lingua custodisce e che la differenzia dalle altre (pensiamo a come suonano differentemente l’italiano dal tedesco, ad esempio) e, contemporaneamente, dalla musica personale, soggettiva, emotiva che ognuno mette nel proprio parlare. In pratica, il bambino impara la lingua cantandola: come nella musica abbiamo l’alternarsi della battute, così la frase è un’alternanza di sillabe, alcune accentate, alcune no (àtone) e questo susseguirsi di accenti crea la melodia della lingua. Puoi fare subito un esperimento: pronuncia la parola “musica”. L’accento della parola sarà sulla prima sillaba, “mù-si-ca” e le altre sillabe seguiranno la prima senza portare altri accenti. Pronuncia ora: “ Abbiàmo tùtti la mùsica nel sàngue”Combinando le parole in frasi, puoi ascoltare il continuum del tuo parlato come se fosse una canzone (sulla melodia della frase ho scritto qui)

Possiamo allora dire che, davvero, ciò che è primo istinto nell’essere umano, il linguaggio, trova fondamento nella musica, nel ritmo, nella curva melodica. Siamo esseri geneticamente programmati alla comunicazione attraverso la meravigliosa musica della comunicazione umana.

Ti è piaciuto l’articolo? Non perderti questo!

Esubera con un commento e iscriviti alla newsletter esuberante, per ricevere news e contenuti esclusivi!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Post